Cicoria belga - Cichorium intybus Image and video hosting by TinyPic

La cicoria belga, che si distingue per il suo aspetto candido, è amata soprattutto perché è semplice da preparare. Si tratta di un’insalata particolarmente carnosa e croccante. Il suo sapore leggermente amarognolo la rende facilmente digeribile, stimolando l’appetito e la digestione. La cicoria belga, come il cicorino rosso, il pan di zucchero, l’indivia o la catalogna, fa parte delle cicorie da insalata. Tutte le varietà coltivate provengono dalla cicoria selvatica.
Già nell’antichità la cicoria era usata per problemi agli occhi e contro gli avvelenamenti. Nel corso del 18° secolo si iniziò ad utilizzarla come surrogato del caffè. Il passaggio dalla cicoria alla cicoria belga – chiamata anche indivia, ma impropriamente, poiché si tratta di una varietà di cicoria – risale all'Ottocento, quando un contadino della regione di Bruxelles scoprì che alcune radici di cicoria selvatica, lasciate in una cantina al buio e al riparo dal freddo, avevano prodotto dei germogli allungati, di colore bianco e dal sapore gradevole. Oggi la cicoria belga viene ancora coltivata in modo simile. Cresce dapprima all’aperto, fino a quando, in autunno, si tagliano le foglie verdi. In seguito le radici, che ricordano una carota bianca, vengono spostate in un locale buio e riscaldato. Un tempo erano interrate nella sabbia. Oggi vengono messe in piedi nelle casse e spruzzate con acqua e liquidi nutritivi. I germogli crescono nel giro di venti giorni.

Proprietà nutrizionali
La cicoria belga non è molto ricca di vitamine. Contiene però quantità menzionabili di betacarotene, vitamina C e acido folico. La sua azione stimolante e il sapore amarognolo sono dovuti alla presenza della sostanza amara intibina.

100 g contengono 1 g di proteine, 0,2 g di grassi, 0,7 g di carboidrati, 36 kJ/9 kcal.

Acquisto e conservazione
Acquistare i germogli sodi, non ancora dischiusi e privi di macchie brunastre. Conservarli al buio fino al momento del consumo. Nello scomparto verdure del frigo la cicoria belga rimane fresca fino ad otto giorni.

Preparazione e cottura
Lavare i cespi. Il sapore amarognolo può essere reso meno intenso immergendoli brevemente in acqua tiepida. Eliminare circa 1 cm della radice terminale e dimezzarli. La cicoria belga può essere utilizzata come insalata o come verdura. Per l’insalata, tagliarla a strisce e servirla subito, in modo da evitare che perda freschezza. Le foglie gustate assieme ad una salsina e ad una baguette rappresentano un antipasto sano e rinfrescante. Per prepararla al vapore, dimezzare la cicoria belga e cuocerla in una pentola d’acciaio inossidabile. Evitare le pentole ferro, altrimenti assume delle colorazioni nerastre. Le foglie di cicoria belga sono ottime anche gratinate in forno.

In tavola
L’insalata di cicoria belga, abbinata a frutti quali arance, mandarini o mele, risulta molto rinfrescante e ricca di vitamine.
Cucina di Stagione

Le immagini pubblicate in queste pagine sono state prese nel web offerte in forma pubblica e rimangono di proprietà dei rispettivi autori. In caso foste al corrente di violazione di copyright di cui non sono a conoscenza, vi prego cortesemente di informarmi tramite messaggio privato e provvederò a rimuovere le immagini contestate,
grazie