Le "Bambole"

Ho una piccola grande passione da quando ero piccola.

Una passione che ho quasi "dimenticato" nel tempo.

Da bambina avevo una bambola della Furga che amavo e che tuttora vive con me: Laura.

Mi sono sempre rivista in lei...con il suo faccino tondo, i capelli lunghi e rossi...

Adoravo farle i vestitini anche se non ero tanto abile visto che avevo solo sei anni!

Effettivamente con lei ho imparato a cucire, a lavorare con i ferri, l'uncinetto e a ricamare su stoffa e su maglia...

Adoravo anche fare bambole di carta e a disegnare vestitini di carta per loro.

Oggi, grazie alla grafica, posso preparare le mie bambole con il computer consentendo alla mia bambina interiore di giocare e sognare oggi come allora...

Laura nel suo Castello di oggi!

c'era un vecchio film in cui i giocattoli la notte si animavano e facevano bisboccia...un altro in cui la stanza umida di una vecchia soffitta si trasformava in una stanza ricca di stoffe colorate e calore e cibo caldo e fumante...
sì...ammetto che l'idea di "svegliarmi" e trovare il mio mondo improvvisamente favoloso mi ha sempre sostenuto...io ci ho sempre creduto e continuo a crederci...
all'incubo vissuto nella mia famiglia di origine ho sostituito via via sempre più "colori"...
nel buio della mia solitudine interiore ho pennellato quadri ricchi di amore
le mie fatine, i miei angioletti, le mia inseparabile Laura (una vecchia bambola della Furga) e i miei gattini di ceramica forse sono l'immagine fisica dei fratellini e delle sorelline di amore che mi aiutano e mi sostengono nel trasformare la mia vita in quella "favola" in cui mi sono sempre rifugiata nei momenti di disperazione più nera...
e
mi sa che oggi mi tocca partire dalla "carta"...la mia scrivania è un macello e il ferro da stiro mi aspetta...
un pò alla volta sicuramente ci salto fuori anche oggi...


e..."ancora una cosa" 

  
quando ero piccola eravamo veramente molto poveri...e in fondo ringrazio la povertà in cui sono cresciuta perchè ho "imparato" a fare veramente di tutto e di più...
io avevo un'unica bambola...Laura...le facevo le gonnelline all'uncinetto lavorando attorno agli elastici tondi con gli scarti di lana di mia zia magliaia...le facevo i vestitini di stoffa con gli avanzi che la mamma mi regalava quando cuciva qualcosa per noi...il suo letto era in una scatola da scarpe e le avevo ricamato le lenzuola e la zia mia aveva preparato un pezzo di maglia che io avevo arricchito con frangette e ricamini per farle una coperta...


oggi Laura vive in un castello che le ho regalato un paio di anni fa...
veste come una principessa e...io mi sono sempre identificata in lei...
nella sua povertà, nel suo faccino paffuto e tenero, nei suoi capelli...ce la posso fare...
ma che dico!! la mia vita è già una favola!!!!!

Le immagini pubblicate in queste pagine sono state prese nel web offerte in forma pubblica e rimangono di proprietà dei rispettivi autori. In caso foste al corrente di violazione di copyright di cui non sono a conoscenza, vi prego cortesemente di informarmi tramite messaggio privato e provvederò a rimuovere le immagini contestate,
grazie