E' solo una parte dei consigli che i romani danno a chi viene a visitare Roma :)



1 Gettare una monetina nella fontana di Trevi (che significa il desiderio di ritornare li' ancora una volta)

2 Passeggiare davanti al Colosseo di notte,perche' con le luci e' piu' suggestivo

3 Prendere il caffe' con la cremina al famoso bar di Sant'Eustachio

4 e visto che siete la,entrate nel Pantheon a verificare la ormai famosa leggenda della pioggia che non entra dall'oculo:(a gran richiesta,ecco la storia:"effetto camino"dell'oculo nel Pantheon: quando piove, la corrente d'aria ascensionale porta alla frantumazione delle gocce d'acqua, così all'interno SEMBRA che non piova e, per evitare pozze d'acqua all'interno, sono stati fatti dei fori sia centrali che laterali per lo scolo dell'acqua.)

5 Spiare la Cupola di San Pietro dal Giardino degli Aranci

6 Passeggiare a Via Nicolò Piccolomini per rendervi conto che per un effetto ottico la Cupola di San Pietro se vi avvicinate si rimpicciolisce,se vi allontanate si ingrandisce.

7 Andate davanti all'Altare della Patria a Piazza Venezia a chiedervi quanto cazzo si annoiano i piantoni ai lati dell'altare.

8 D'estate,e' d'obbligo la grattachecca dietro Piazza San Pietro.

9 Mettere la mano nella Bocca della Verita' di fronte alla Chiesa di Santa Maria in Cosmedin


10 Andare a mangiare "Da Cencio La Parolaccia",unico caso al mondo in cui paghi-anche una certa cifra-per essere insultato e ti diverti da matti

11 e visto che siete li',andate all'Hard Rock Cafe' e prendete il Brownie

12 Passeggiare a Piazza Navona e notare che una delle 4 statue della Fontana dei 4 Fiumi (quella centrale) e' rivolta verso la chiesa di sant'Agnese in Agone con un gesto di ribrezzo (braccio alzato a coprire gli occhi) per una leggenda che vuole il Bernini (autore della fontana) arcinemico del Borromini (autore della Chiesa).

13 Andate all'Ice Club,locale arredato con circa 40 tonnellate di ghiaccio a godervi un cocktail ad una temperatura intorno ai -5 gradi

14 Andate a mezzogiorno al Gianicolo per assistere alla cerimonia in cui si spara con un vecchio cannone a salve

15 Andateci anche di sera,per godervi una suggestiva panoramica notturna della Capitale

16 Se andate vicino al vecchio faro,potete comunicare coi carcerati del Regina Coeli.

17 Passeggiate per Piazza San Pietro ma non sdraiatevi sugli scalini o sarete arrestati

18 Sedersi sulla scalinata di Trinita' de Monti a guardare tutti i turisti che girano impazziti per la piazza

19 Mangiarsi la bomba calda dai Professionisti a Piazza Cavour)

20 Andare allo Zodiaco a Monte Mario per godersi una panoramica mozzafiato su Roma (e volendo anche un'occhiata allo spazio nell'Osservatorio)

21 Poter bere dar Nasone (le famose fontanelle romane che sono dappertutto) ogni volta che si e' assetati

22 Mangiarsi un frappe' da o'zozzone a Piazza Navona


23 Passeggiare a Via dei Fori Imperiali e immaginare come poteva essere Roma millenni fa

24 Entrare nel Colosseo e sentire ancora le grida dei gladiatori e i ruggiti delle fiere...

25 Guardare il colonnato a San Pietro dal punto in cui si vede solo una colonna per fila..e salire sul Cuppolone contando pure tutti gli scalini..

26 Andare a visitare la cappella sistina...una delle sette meraviglie al mondo

27 Bere alla Barcaccia(davanti alla scalinata a piazza di spagna)ed esprimere il desiderio

28 Andare a piazza venezia a vedere la finestra dove si affacciava Mussolini

29 Visitare la casina delle civette a villa torlonia

30 Prendere lo zatterone e risalire il Tevere fin oltre castel S.Angelo dopo aver cenato lungo le sponde (e d'estate farsi la passeggiatina lungo gli argini zeppi di bancarelle)

31 Perdersi a piedi tra i vicoletti dietro piazza navona convinti di avere la situazione sotto controllo....

...e altro e altro ancora...alla prossima puntata :10eosih.jpg:


Auguri Roma,resta sempre la citta' splendida che sei,la piu' bella del mondo..Roma Capoccia..der monno infame!

image



Roma, qualche metro più sotto
La capitale sotterranea, il museo archeologico più grande del mondo. Gran parte di esso riposa ancora sotto il peso della storia, inesplorato. Qualcosa è visitabile: ed è un'esperienza meravigliosa
Immaginate di tirar via un sampietrino da Via dei Fori Imperiali. Oppure una zolla di terra dal prato del Parco della Caffarella. Poi sdraiatevi e guardate giù. Benvenuti nella Roma sotterranea: una città nella città, anzi sotto la città. Ninfei, acquedotti, cunicoli, opere di alta ingegneria idraulica, case, vie, templi, edifici pubblici, chiese e ville. E un lago, esattamente in corrispondenza dell'Ospedale Forlanini. Un lago navigabile con un gommone, in alcuni punti profondo 8 metri. E non è l'unico perché lungo la direttrice della Via Tuscolana, la zona di Roma col sottosuolo più ricco di meraviglie, ce ne sono altri. L'acqua è limpidissima, la sensazione che si prova a stare lì sotto – racconta chi c'è stato – meravigliosa.
Quello che è stato definito il più grande museo archeologico del mondo, però, non è aperto al pubblico se non in parte. I luoghi accessibili ai non addetti ai lavori - archeologi, speleologi urbani, ingegneri - sono pochi ma straordinariamente affascinanti. Perché Roma è il Colosseo e la Cappella Sistina, Fontana di Trevi e Piazza Navona, San Pietro e Trinità de' Monti ma ad ogni passo, appena qualche metro più sotto, è molto altro. Testimonianze del passato da esplorare e ammirare alla ricerca delle atmosfere di duemila anni fa, quando nella Città Eterna si girava a piedi e si parlava in latino.
Un patrimonio spesso sconosciuto agli stessi abitanti della Roma moderna, ignari del fatto che, sollevando un tombino nel cortile del proprio palazzo, potrebbero ritrovarsi in uno dei tanti cunicoli dell'enorme labirinto che riposa sotto il piano stradale. Valorizzare e far conoscere al grande pubblico l'immenso complesso ipogeo della Capitale è l'obiettivo di alcune associazioni tra cui Roma Sotterranea e Sotterranei di Roma.

imageimageimage
imageimageimage
imageimage




Acquedotto VergineUnico acquedotto romano ad essere funzionante, alimenta molte storiche fontane della zona del Centro (Piazza Navona, Barcaccia, Terrina tra le altre) e, soprattutto, la Fontana di Trevi.

imageimage



Domus ai Baullari Alla fine del secolo XIX, durante i lavori di apertura di Corso Vittorio Emanuele II, furono riportati alla luce i resti romani che però vennero subito distrutti, perché d'intralcio: si salvarono in pratica soltanto i Templi dell'Area Sacra di Largo di Torre Argentina e i resti della Domus Romana ai Baullari, scoperti a 4,40 metri di profondità nei sotterranei di Palazzo Regis (conosciuto anche come Farnesina ai Baullari).

San Paolino alla Regola Negli anni 1978-1982 l'Amministrazione Comunale curò il restauro di un gruppo di case di sua proprietà site su via di S. Paolo alla Regola, tra la chiesa della SS. Trinità dei Pellegrini e via del Conservatorio. Si tratta di un insieme di fabbricati di 4-5 piani di altezza, all'esterno di prevalente aspetto seicentesco, incentrati attorno al cinquecentesco Palazzo Specchi. Il restauro ha rivelato, inaspettatamente, come i fabbricati mantenessero in tutta la loro monumentalità strutture ben più antiche, che costituiscono ancora il corpo di tutto il sistema. In particolare si conservano strutture di età romana per quattro piani di altezza, due sotto il suolo e due al di sopra, e queste hanno costituito la base di una potente e complessa ristrutturazione medioevale, che ha alzato le costruzioni quasi all'altezza della situazione attuale.

imageimage



Barbara Del Pio
libero viaggi
ulteriori informazioni e prenotazione visite sotterranei di Roma

Le immagini pubblicate in queste pagine sono state prese nel web offerte in forma pubblica e rimangono di proprietà dei rispettivi autori. In caso foste al corrente di violazione di copyright di cui non sono a conoscenza, vi prego cortesemente di informarmi tramite messaggio privato e provvederò a rimuovere le immagini contestate,
grazie