Indy e Conan

20 Febbraio 2017

...nel "sistemare" un po' questo spazio non riesco a distaccarmi a sufficienza dal dolore che si rinnova sleggiucchiando pur senza volere...

La Tortorina sta disperatamente parlando con Uomo e fra poco lascio il computer per godermi questa giornata da "pensionata"!

Mi rendo conto di non aver fatto cenno alla morte di Indy sopravvenuta dopo pochi mesi da quella di Conan.

Il 2010 è stato un anno di grandi svolte e di grandi dolori...il braccio rotto è stato solo l'inizio...poi la morte di Conan, quella di Indy, la malattia per il BelloPando...

...sono trascorsi gli anni...il dolore è diventato sopportabile...

ma le piaghe pulsano quando il mio cuore ripensa a quei momenti...

 

 

image

Ecco i nostri nuovi coinquilini che si stanno integrando alla grande con Cucciola e BelloPando!
Arrivano dal gattile di Medicina, anche loro come Cucciola...
hanno pochi mesi di vita e sono stati salvati in una località di cui non ricordo neppure il nome...
la loro mamma è ancora là con un piccolino e loro sono stati salvati da morte certa perchè la vecchina che si occupava di loro non ce la faceva a stare dietro a tutti e la loro mamma li aveva già abbandonati...

Hanno un problemino agli occhi e Indi quando gioca si dimentica di tutto...e quando ha la cacca aspetta fino all'ultimo minuto e così ne perde un pò in giro...
I loro nomi sono stati scelti in base alle loro caratteristiche
Indiana lo chiamiamo già Indi perchè è un vero esploratore...é molto bellino, molto tenero, ama dormire dentro il cestino del rusco sotto la mia scrivania
Conan...il nome la dice lunga! E' il più piccolino ma anche il più battagliero! Ha il coraggio di fronteggiare la Cucciola che è grande dieci volte lui e quando si gonfia diventa veramente ridicolo!
Attacca anche me, le mie mani, i miei capelli...tutto è buono per giocare e mordicchiare...
BelloPando li guarda con distanza perchè amano giocare con la sua coda e si vede benissimo che vorrebbero stargli vicino...
Così oggi siamo in sei in famiglia!
Sono felice!
Quanto amo i pelosetti!!!!!!

abbiamo ancora problemini di cacca...ma sono fiduciosa che li risolveremo...
ecco qui Conan con Arnold Shwarzenneger che mi ha dato l'ispirazione per il suo nome
...
naturalmente è Arnold la guardia del corpo del mio piccolo Conino!

image

stiamo per riportare Conan in clinica ai Portoni Rossi perché si sta rifiutando di prendere le medicine...
non c'è più verso di infilargliele in bocca nè di mischiargliele al cibo perchè piuttosto non mangia e magrolino com'è non può certo permetterselo
Stamattina addirittura Indi è ripartito con le sue performance di caghetta ed io non ci capisco più niente...
Conan sta male e non si capisce ancora cos'abbia, Indi ricomincia con la caghetta, il BelloPando piange forse sentendosi trascurato e la Cucciola si è messa ad imitare Indi che le sta insegnando a rapportarsi con noi...
dopo trent'anni di vita insieme a loro...io non ho ancora capito niente e non so dove sbattere la testa per la disperazione
ho il terrore che Conan non ce la faccia...e che abbia qualche malattia terribile che possa contagiare tutti gli altri...
adesso mi vesto e andiamo all'ospedale
almeno gli daranno loro le medicine che noi non siamo più capaci di dargli...
Buona Giornata...

Ieri sera verso le sette Conan ha avuto le convulsioni e lo abbiamo portato d'urgenza in ospedale...
Dopo le convulsioni è rimasto incosciente per circa dieci minuti e noi eravamo terrorizzati da questo nuovo quadro...il Dottore della notte che lo ha preso in cura è stato amorevole e tenero con lui e lo abbiamo ricoverato serenamente sapendo che loro potranno dargli sicuramente l'assistenza di cui oggi lui ha bisogno...
Ho già telefonato per sapere come sta oggi visto che l'orario di visita è tassativamente dalle 12,30 alle 13,30 e loro sono più rigidi che negli ospedali per umani...
Ha avuto un'altra crisi verso le 6,30 di stamattina e lo hanno subito sedato con il valium...altra complicazione...è subentrato un problema agli occhi di cui non ho capito bene la gravità ma che sembra legato al problema della malattia infettiva che ancora non sono riusciti a diagnosticare.
Stamattima Fulvio deve andare ad una visita a Castel San Pietro e quando torna potremo andare da Conan.
Verso le 10,00 potrò chiamare la Dottoressa di Conan per sapere qualcosa in più visto che approfitteranno del fatto che lui è lì per fargli tutti quegli esami fissati per domani...
nuovo problema
Indi si rifiuta di mangiare ed ha cominciato a fare lo stesso rumore "tritasassi" di Conan quando cerca di farlo e se lo associamo alla caghetta gialla liquidissima che perde per casa mi fa temere che la malattia sia anche in lui...
Vedrò se la Dottoressa è d'accordo di visitare anche lui ed evenutalmente oggi lo portiamo con noi...
poveri piccoli
Forse al gattile non sarebbero spravvissuti ai primi freddi
...o forse con una famiglia migliore della nostra non avrebbero avuto tutti questi problemi...
Mi sento in colpa e anche se mi dico che non ho fatto niente per nuocere loro e sento di dare loro tutto l'amore che posso, il vederli peggiorare ogni giorno di più mi uccide...

Conan è già da ieri sera ricoverato in ospedale...
dopo la prima convulsione non abbiamo aspettato ed ora finalmente abbiamo un quadro clinico quasi chiuso con una diagnosi ristretta a due possibilità: peritonite infettiva o meningite...con poche possibilità di sopravvivenza
Hanno proceduto con la risonanza magnetica e il prelievo di midollo con Conan anestetizzato...
ora è in stato semicomatoso fra il sonno e il dormiveglia e non me lo lasciano vedere nè tantomeno portare a casa come invece vorrei...
sono disperata
Indi lo cerca in giro per casa e finalmente sono riuscita a farlo mangiare perchè da quando suo fratello non c'è si è rifiutato di mangiare qualsiasi cosa...sta sempre in guardia e da bravo fifone qual è, ora che non c'è Conan a dargli un pò di sicurezza, tira a stare abbastanza intanato...
E' probabile che Conan non superi la notte ma mi chiameranno se dovesse essere a rischio di morire prima di domani...e domani comunque a orario di visita sarò lì...ho bisogno di vederlo...di vederlo prima che vada via...

è uno strazio...
quando entro nella sala degenza e vedo tutti quei piccoli attaccati alle flebo, vivo la loro grande forza, la loro rassegnazione...
quanta nobiltà d'animo in quegli esserini che accettano tutto ciò che gli sta accadendo senza piangere nè lamentarsi...
piangono perchè non capiscono e perchè si sentono abbandonati o perchè stanno abbastanza bene da voler tornare a casa...
il piccolo Conan non emette un gemito
se ne sta lì, con quel suo piccolo corpicino freddo riscaldato dalla coperta termica, dalla borsa dell'acqua calda e avvolto nei pile...
il suo corpicino non ce la fa più ma la sua grande forza lo tiene ancora qui...
domani avremo finalmente gli esiti e sapremo se è peritonite infettiva (l'AIDS dei gatti) o meningite...e se è peritonite infettiva non c'è niente da fare...
sono arrivata a sperare che sia meningite anche se so che poi dovranno sperimentare per trovare l'antibiotico giusto, che non tornerà mai più ad essere un micio autosufficiente e che ha pochissime probabilità di sopravvivenza...
ma
per quel pò che posso una parte di me continua a sperare...

mai fare programmi a lunga distanza!
quando siamo arrivati in ospedale la Dottoressa di Conan ci ha tolto ogni barlume di speranza...
Conan era quasi in coma e sarebbe morto in agonia entro pochi giorni...
Abbiamo preferito portarlo a casa e lasciarlo insieme ai suoi amici per quel pò di tempo che gli rimaneva, o forse egoisticamente mi sono sentita un fenomeno e mi sono detta che se avessi aperto una scatoletta di tonno lui sarebbe arrivato scarrocciando ma sarebbe sicuramente arrivato...
invece
ho bagnato un pò un foglio nel sugo del tonno e glielo ho passato in bocca e non ha fatto una piega...
faceva le fusa ogni tanto e quando lo chiamavamo a volte piangeva per un pò...
ma mi hanno spiegato che i gatti fanno le fusa anche quando stanno molto male e che quel pianto era un pianto incosciente...

è rimasto con noi che piangevamo come delle fontane sperando che si alzasse, che fosse tutto un incubo...poi è arrivato il veterinario e lo abbiamo aiutato ad addormentarsi per l'ultima volta...
prima l'anestesia, poi il sonno profondo della morte...

Conan è un grande gatto!
Ha vissuto solo cinque mesi ma è stato un compagno di vita meraviglioso!
Ha fissuto sul mio petto le mie notti insonni con il ballo di san vito alle gambe, si è accoccolato sul mio tutore fin da sempre e adorava l'amaca che gli preparavo con la maglia quando stavamo davanti al pc...

ho scoperto solo stamattina che al gattile mi hanno mentito sulla storia di Conan...forse non è stato intenzionale ma mi dissero che avevano trovato quattro cuccioli abbandonati dalla madre che non si era lasciata prendere ed era rimasta libera con un altro cucciolo...invece...
stamattina ho trovato due foto del gattile in cui si distinguono benissimo Conan e la sue macchiette inconfondibili, di Indi si vede solo il suo bel culotto tondo, si vedono i suoi fratellini rossi adottati prima di loro e la mamma è lì...viva e vegeta senza altri gattini...

 

image


non sappiamo cosa fare...
prima faremo fare le analisi a Indi, BelloPando e Cucciola, poi probabilmente adotteremo un altro cucciolo affinchè Indi possa crescere con un compagno di giochi...o forse no...
un passo alla volta
adesso ho bisogno di non pensare a niente e di permettermi soltanto di vivere questo dolore straziante...

"Molti animali hanno una loro costellazione che brilla in cielo di notte.
I gatti no.
Ai gatti bastano i loro occhi lucenti per illuminare il cammino."
( Mary S. Emilson )




"Un gatto non vuole che tutto il mondo lo ami, solo quelli che lui ha scelto di amare."( Helen Thompson )

 

image


Conan non è un nome a caso...
lui era combattivo e nobile nei modi...
quando giocava con Indi vinceva sempre perchè era anche un pò prepotente...
amava dormire accoccolato vicino alla sua mamma...era un gattomammone...
la sua morte?
una piccola grande tragedia...

...per il piccolo Conan...
ci ritroveremo al di là del Ponte dell'Arcobaleno...

 

image


Tra la terra e il cielo esiste il “Ponte dell’Arcobaleno”
Quando un animale muore, specialmente se in vita è stato molto amato da una persona qui sulla terra, va in un luogo che si trova all'inizio di questo ponte.
E' un posto bellissimo dove l'erba è sempre fresca e profumata, i ruscelli scorrono tra colline ed alberi ed i nostri amici pelosi possono correre e giocare insieme. Trovano sempre il loro cibo preferito, l'acqua fresca per dissetarsi ed il sole splendente per riscaldarsi, e così i nostri cari amici sono felici: se in vita erano malati o vecchi qui ritrovano salute e gioventù, se erano menomati o infermi qui ritornano ad essere sani e forti. In questo luogo gli animali che abbiamo tanto amato stanno bene, eccetto che per una piccola cosa, sentono molto la mancanza della persona speciale che li ha amati sulla terra.
Così accade di vedere che durante il gioco qualcuno di loro si fermi improvvisamente e scruti oltre la collina, tutti i suoi sensi sono in allerta, i suoi occhi si illuminano e le sue zampe iniziano la grande corsa: tu sei stato visto, e quando incontri il tuo amico speciale, lo stringi tra le braccia con grande gioia per non separarvi mai più, una pioggia di baci bagnerà il tuo viso, le tue mani accarezzeranno di nuovo l’amata testolina ed i tuoi occhi incontrano i suoi sinceri che tanto ti hanno cercato, per troppo tempo lontani dalla tua vita ma mai assenti dal tuo cuore .
Allora attraverserete insieme il Ponte dell’Arcobaleno per non lasciarvi mai più.

Le immagini pubblicate in queste pagine sono state prese nel web offerte in forma pubblica e rimangono di proprietà dei rispettivi autori. In caso foste al corrente di violazione di copyright di cui non sono a conoscenza, vi prego cortesemente di informarmi tramite messaggio privato e provvederò a rimuovere le immagini contestate,
grazie