Zanzara

imageQueste zanzare le ho fotografate ieri sul muro della terrazza a ovest... non sapevo che si mettessero di spalle e unissero i loro corpi in questo modo... sono proprio ignorante! Qualcuno si è inorridito quando le h postate dicendo che sono insetti utili solo a succhiare sangue, ma siccome credo che ogni forma di vita sulla terra abbia un suo senso dell'equilibrio naturale, ecco che vado a vedere se riesco a trovare nel web qualche spiegazione in più sulla loro utilità...

image

Zanzara, insetto fastidioso ma utile

Un mio amico filosofo, che ama la natura, ma fino a un certo punto, e che tollera gli animali solo se non gli danno un qualche fastidio, mi ha chiesto a che diavolo servirebbero le zanzare. Siccome è anche credente, ha dichiarato che sono, con ogni probabilità, un castigo escogitato da Dio per punire i nostri peccati. Ora, se si tratta delle zanzare anofele, che portano in giro il plasmodio della malaria, sono tentato anch'io di pensarla così. Visto, però, che non abitiamo in quelle zone del pianeta dove questa malattia terribile, che a tutt'oggi provoca la morte di un milione di bambini ogni anno, ma siamo in Italia, dove la malaria è stata debellata da più di cinquant'anni, le punture, capaci di provocare solo la molestia di un prurito locale, e raramente delle allergie o delle patologie, se sono un castigo, beh, deve essere per dei peccati veniali, e di poco conto. In realtà, per passare dalla teologia all'ecologia, di cui sono più esperto, dirò subito che le zanzare, comparse sulla terra molto prima di noi, e che possono vantare così qualche diritto di precedenza, occupano un loro posto in natura, e partecipano alla stabilità degli ecosistemi, sopra tutto di quelli delle cosiddette zone umide. Perché le loro larve si sviluppano nelle acque stagnanti, che filtrano con un sistema di spazzole boccali, non dissimili, si pensi un po' alla differenza di stazza, a quello delle balene che usano, invece, i fanoni. L'evoluzione, nel grande e nel piccolo, ha adottato sovente le stesse soluzioni. Queste larve di zanzara costituiscono un cibo per certi insetti acquatici, o per i pesci, che le mettono allegramente nel loro menù, mentre le zanzare adulte, che volano con il buio sopra tutto, ma certune anche di giorno, costituiscono un ottimo alimento per gli uccelli, e per i pipistrelli che ne divorano fino a un milione per singolo esemplare. Dunque, le zanzare "servono", nel senso che partecipano da protagoniste all'economia della natura. Purtroppo, le femmine adulte, perché sono soltanto le femmine che ci pungono!, quando devono far maturare le loro uova hanno bisogno di proteine e prelevano con la siringa boccale una goccia del nostro sangue, rischiando la vita, dato che la spada di Damocle di un colpo vibrato con il palmo della mano pende su di loro durante tutta l'operazione. Bene, anzi male, ma dobbiamo riprometterci di far sparire del tutto questi insetti molesti dalla faccia del pianeta? Intanto, se decidessimo di abbattere tutti gli elefanti, o di arpionare tutte le balene, beh, la cosa sarebbe possibile, e non richiederebbe neppure tanto tempo. Ma con le zanzare, non contateci. Ci abbiamo provato in mille modi, e tutti i mezzi impiegati sono ritornati come un boomerang contro di noi. Abbiamo prosciugato le zone umide, per impedire loro di riprodursi? Oggi, consapevoli di aver distrutto un bene naturale, e turistico, di primordine, barattandolo con un'agricoltura fallimentare, stiamo meditando di riallagare le zone redente, fatto che costituirebbe solo il parziale rimedio di un danno incommensurabile. Abbiamo irrorato con il DDT prima, e con altri pesticidi in seguito, vasti territori del pianeta, cancellandone la biodiversità, e le zanzare hanno risposto diventando resistenti, mentre gli uomini hanno visto di nuovo profilarsi il rischio della malaria, e in soprappiù del cancro, conseguente ai residui tossici lasciati nell'ambiente dagli interventi chimici. Dunque, la via maestra sarà quella di imparare a convivere con le zanzare, facendone diminuire le popolazioni, ma senza approntare progetti di eradicazione totale, dannosi dal punto di vista ecologico, quanto inefficaci dal punto di vista tecnico. Oggi, abbiamo delle armi biologiche, innocue per l'ambiente e per l'uomo, che possono limitare, distruggendo le larve, le popolazioni dell'insetto sotto limiti tollerabili. Per cui, se una zanzara ronza di sera nella vostra camera, una e non cento si capisce, ricorrete alla ciabatta, e non lamentatevi: meglio una zanzara fastidiosa che un residuo di sostanza velenosa nella caraffa d'acqua sul vostro tavolo.

di Giorgio Celli

www.promiseland.it

http://www.animalinelmondo.com/notizie/ani...o-ma-utile.html

image

 

Quella delle punture di zanzara comune e del pappatace è un evenienza pressoché quotidiana alle nostre latitudini. Il pomfo pruriginoso che la loro puntura determina è tuttavia poco più che un fastidioso contrattempo: basta applicare tempestivamente sulla parte interessata un gel all’oxatomide o una crema alla calamina per limitarne drasticamente i sintomi. Ben diversi gli effetti della puntura della zanzara tigre . Questo insetto (che deve il suo nome all’aspetto a strisce bianche su fondo nero) è originario del sud-est asiatico, ma a causa della sua straordinaria capacità di adattamento, ha da tempo fatto la sua comparsa anche in Brasile, in Messico e negli Stati Uniti. Da quest’ultimo paese è infine giunta in Europa ed in Italia con alcune partite di pneumatici usati, diffondendosi rapidamente nelle nostre città e riproducendosi nei sottovasi dove v’è acqua ristagnante. La zanzara tigre è ben più aggressiva di quella comune: le sue punture, rapide e ripetute, prendono di mira soprattutto le caviglie, dove provocano vistosi pomfi, in genere più grandi e fastidiosi di quelli della zanzara comune. Per alleviarne i sintomi, si consiglia di disinfettare la zona colpita, fare impacchi con ghiaccio ed applicare un gel antistaminico o cortisonico. In alcuni casi è opportuno consultare il dermatologo, che provvederà a prescrivere tali farmaci per via generale. Contrariamente a quanto si pensi, in Italia la puntura di questa zanzara non sembra, almeno al momento provocare la trasmissione di gravi patologie infettive. Le punture di imenotteri (api, vespe e calabroni) provocano improvviso dolore e gonfiore nella sede colpita, solitamente un’area di cute scoperta; può talvolta associarsi un’eruzione orticarioide diffusa.

http://www.medicinalive.com/cura-del-corpo...re-e-pappatace/

image

 

Ma come ci si può difendere? I consigli sono più o meno noti: evitare di indossare abiti scuri ma preferire colori chiari dopo il tramonto, se possibile indossare pantaloni lunghi e coprire le braccia, evitare l’utilizzo di deodoranti e profumi che attirano le zanzare, e prestare particolare attenzione all’igiene personale perché alle zanzare piace anche il sudore. Negli ambienti domestici usare le zanzariere e all’aperto evitare i ristagni di acqua che sono preziosi per la sopravvivenza delle zanzare, quindi sarebbe consigliabile svuotare i sottovasi dall’acqua stagnante e togliere erbacce e fiori recisi. E chi non vuole utilizzare fornellini elettrici e anti-zanzare industriali si adopera con rimedi naturali e un po’ bizzarri. In alcuni comuni del Nord Italia, ad esempio, stanno pensando di allevare pipistrelli, grandi divoratori di zanzare. Nelle case, invece, si possono usare i pesci rossi, la loro acqua è una trappola per le zanzare che finiscono dritte dritte nella bocca dei pesciolini.

 http://magazine.paginemediche.it/it/365/il...iani.aspx?c1=50