Approfittare delle Donne

15/08/2011

Ho ricevuto qualche tempo fa questa mail che girava quasi come una catena di sant'antonio e ammetto di averla letta e conservata senza neppure sapere perchè...

"Una sera, mentre percorrevo una via secondaria per tornare a casa, ho notato, sul seggiolino di un'auto ferma a bordo
della strada, un bambino coperto da un panno.
Non so spiegare perchè - e la ragione poco importa - ma non mi sono fermata...
Quando sono arrivata a casa, ho telefonato alla polizia che mi ha assicurato che sarebbe andata a vedere.
Nel contempo, però, ecco quello di cui la polizia mi ha informata:
Le bande di malviventi, i Rom e i ladri stanno escogitando vari stratagemmi perchè gli automobilisti (soprattutto donne) fermino il proprio veicolo e ne scendano (in zone isolate).
Il metodo praticato da certe bande consiste nel posizionare una macchina lungo la strada con un falso bebè seduto dentro, aspettando che una donna si fermi per andare a vedere quello che lei crede essere un bimbo abbandonato.
Da notare che la macchina è solitamente messa vicino a un bosco e ad un campo con l'erba alta: la persona che ha la malaugurata idea di fermarsi sarà trascinata nel bosco, violentata, picchiata e derubata...
Non fermatevi mai, ma chiamate il 113 appena possibile, raccontando quello che avete visto e dove l'avete visto, MA CONTINUATE LA VOSTRA STRADA!

Altro espediente:
Se, mentre state guidando, vi 'arrivano' delle uova sul parabrezza, non fermatevi, ma soprattutto non azionate il lavavetri,
perchè le uova miste all'acqua diventano collose e vi oscurerebbero il parabrezza fino a più del 90%! Sareste allora costretti a fermarvi al bordo della strada, diventando potenziali vittime di criminali.
Ecco qualcuna delle nuove tecniche utilizzate dalle gang.

Informate i vostri amici, per favore"



Io che sono cresciuta praticamente "da sola" ho imparato a stare molto attenta a situazioni in cui posso essere preda di imbecilli che vivono in questo modo...ma per quanto io mi possa sentire "furba", a volte mi ritrovo ad essere l'oca di turno e a rimetterci di mio...

In viaggio di nozze sono andata in Spagna e sono stata vittima di un "trucco" vecchio come il mondo nel quale sono caduta come un'allocca.
Alloggiavamo ad Aiguablava e lasciando i babagli in albergo, siamo andati in visita a Barcellona.
Parcheggiamo la Civic aziendale targata Venezia in pieno centro e ci facciamo un giro. Quando ripartiamo, non faccio caso a uno scooter che ci segue finchè non si avvicina mentre siamo fermi in colonna sulla superstrada e ci fa segno indicando una gomma. Lo ringrazio e naturalmente esco alla prima uscita della superstrada per cercare un gommista. Il tipo con lo scooter ci si affianca e ci dice che lui sa dove c'è un gommista ed io lo ringrazio infinitamente mentre mi avvio verso l'officina.
L'officina è lunga e stretta e il "culo" della Civic è rivolto verso la strada.
Il meccanico smonta la gomma bucata e naturalmente sia io che mio marito siamo insieme al meccanico nella parte davanti dell'officina con la macchina aperta sul ponte.
Entra nuovamente il tipo dello scooter che apparentemente si informa su come sta andando ed io lo ringrazio nuovamente e mentre se ne va mi accorgo che il portellone dietro della Civic è aperto.
"Fulvio? Hai aperto tu il portellone?" "No!" e sono corsa a vedere intuendo subito che qualcosa non quadrava!
Il baule della macchina era stato completamente ripulito mentre il tizio dello scooter ci distraeva davanti al meccanico che sicuramente era un complice!
Misero bottino!
Anche se a noi hanno causato solo disagio!
La mia borsa era nascosta nel vano vuoto della ruota di scorta, documenti e contanti li avevo addosso nelle tasche dei pantaloni.
La Canon professionale di Fulvio e la valigia con gli obiettivi era nell'abitacolo dalla parte del passeggero e la mia digitalina era nel portaoggetti al chiuso.

Ci hanno rubato il giaccone pesante di Fulvio della Paul & Shark con dentro le chiavi di casa (che non so perchè lui avesse con se). Uno zaino in cui tenevamo le scorte alimentari di pane, merendine a acqua. Hanno lasciato solo il mio giacchino della Bon Prix...

Volevamo sporgere denuncia soprattutto contro il meccanico che era sicuramente un complice...ma il mio ego ferito e il sapere dell'inutilità della denuncia ci ha fatto andare oltre.
Ci siamo occupati subito di rimediare al danno della perdita delle chiavi di casa.
Era praticamente impossibile risalire a noi da quello che ci avevano rubato ma non potevamo sapere se avevamo a che fare con dei ladruncoli di periferia o con una banda di professionisti e, in tal caso, dovevamo correre ai ripari.
Dalla targa della Civic era possibile arrivare alla Leasplane che noleggiava le macchine per i funzionari della ditta per cui lavorava Fulvio e, da lì, arrivare al nostro indirizzo e vuotarci casa mentre noi proseguivamo il nostro viaggio.
Pertanto abbiamo messo in atto Marchino (l'amico che si occupava dei miei piccoli mentre noi eravamo via) e un amico tuttofare del condominio in cui abitavamo. Hanno cambiato subito la serratura del cancello di sicurezza e ci siamo accordati per "dove" farcene trovare copia al nostro ritorno.

Cosa avremmo dovuto fare?
Bè...forse avremmo dovuto noleggiare un'auto in spagna e con targa spagnola?
O forse avremmo dovuto parcheggiare in un garage custodito?
Sicuramente non avrei dovuto seguire il mio istinto di uscire dalla superstrada...avrei dovuto accostare e chiamare soccorsi!?
O, meglio ancora, avrei dovuto andare con la macchina dritta dritta da un vigile o da un'altra persona "sicura"...


E' andata!
Ma Fulvio ha patito freddo per tutto il resto del viaggio di nozze perchè non ha trovato niente con cui sostituire il suo amato giubbotto...e...
per quanto Barcellona sia veramente una bella città, credo che per via di questo scherzetto diventerà come Napoli...non ci passo neppure di striscio...


15/08/2011

Vorrei aggiungere un episodio che mi è successo un paio di notti fa!

Io mi muovo di notte perchè, come molti sanno, lavoro al mercato ortofrutticolo e inizio a turni alterni fra l'una e mezza e le tre. Venerdì dovevo essere in ufficio alle tre e con la mia potente Laguna Station Wagon ero sulla San Vitale appena all'uscita di Medicina.
Sto molto attenza alle luci e ai catarinfrangenti ai bordi delle strade perchè il mio "piedino pesante" potrebbe causarmi seri guai con le pattuglie che stazionano sulla San Vitale spostandosi ogni giorno da un posto all'altro e ho visto benissimo che oltre la rotonda c'era un'auto che procedeva nel mio stesso senso di marcia.
La posizione dei fanalini mi aiuta ad escludere che sia una macchina degli sbirri e la sua andatura medio-forte mi fa rimanere concentrata sulla rotonda che spesso è "sede" di una pattuglia che mi ha già fermata più volte per controllare i documenti.

Mentre esco dalla rotonda, continuo a vedere in lontananza i fanalini dell'auto che mi precede che improvvisamente rallenta, frena un attimo, riparte, rallenta, rifrena, mette le luci di emergenza e si piazza in mezzo alla corsia di marcia.
Mentre mi avvicino accendendo gli abbaglianti, vedo un'auto di piccola cilindrata, finestrino del guidatore abbassato e un braccio che si muove per farmi fermare.
Mi sono spostata sulla sinistra e senza neppure voltarmi a guardare sono passata oltre tenendo controllato lo specchietto retrovisore.
Dopo che sono passata, quell'auto ha ripreso la sua marcia...ed io ho accellerato la mia!

Non credo alle coincidenze!
Quell'auto stava andando normalmente mentre io mi avvicinavo...ha messo in atto freno-luci per attirare la mia attenzione...e ha ripreso la sua marcia normale quando me ne sono andata!
Nell'era dei cellulari, come si può pensare che una persona si fermi di notte in una strada deserta?

Se ho dei dubbi, mi fermo un pò più avanti, mi chiudo dentro, chiamo il 113 o il 112 e segnalo che c'è un'auto ferma poi vado via. Ma non scendo dalla macchina e non faccio la crocerossina per poi trovarmi vittima di qualche imbecille...
E ancora...
Sto molto attenta ai piccoli incidenti in strade poco frequentate...
Viaggio spesso da sola e come "donna sola" potrei essere vittima di qualche imbecille...
meglio evitare!
Portiere sempre chiuse dall'interno. Cellulare sempre addosso e mai nella borsa. Mi fermo solo in stazioni di servizio ben illuminate e parcheggio sotto i lampioni. Mai mostrare portafogli gonfi di banconote...meglio pochi spicci...
...
La borsa...se la lascio in macchina, meglio sfruttare il vano della ruota di scorta e, comunque, sempre nel bagagliaio.
Se sono al volante, mai la borsa sul sedile del passeggero ma, piuttosto, dietro il sedile del guidatore fra il sedile e la seduta del passeggero dietro...

e
attenzione
molta attenzione
a volte non si può "scegliere" dove passare o quando passare...
gli imbecilli ci sono
possono picchiarti, violentarti e derubarti e nella peggiore delle ipotesi possono anche ucciderti solo perchè sono degli imbecilli e non perchè tu lo meriti o abbia fatto qualcosa per attirarli...

difenditi stando attenta e prendendoti cura di te...
per non essere la prossima...

Le immagini pubblicate in queste pagine sono state prese nel web offerte in forma pubblica e rimangono di proprietà dei rispettivi autori. In caso foste al corrente di violazione di copyright di cui non sono a conoscenza, vi prego cortesemente di informarmi tramite messaggio privato e provvederò a rimuovere le immagini contestate,
grazie